04/10/2019

Autunno.. cadono le foglie ma anche i capelli

Il ciclo di vita del capello

Ogni giorno ciascuno di noi perde tanti capelli (è normale che ne cadano fino a un centinaio al dì), ma si tratta del normale ricambio tra vecchi e nuovi. In testa ne abbiamo grossomodo tra i 100mila e i 140mila, di questi è destinato a cadere il 10-15% (percentuale che sale fino al 30% e oltre in caso di disturbi).

Il capello ha un ciclo di vita di circa 3 anni, con una crescita di 1 centimetro al mese: passati i tre anni, viene “spinto via” dal nuovo pelo che si forma nello stesso follicolo. Un’eccessiva caduta è spesso fonte di ansia e disagio: è importante capirne le cause e, se necessario, individuare con l’aiuto di un dermatologo o tricologo le terapie giuste per risolvere il problema.

Cambi di stagione

A volte si ha la sensazione di avere i capelli più deboli in determinati periodi dell’anno, per esempio nel cambio di stagione, ma la stagionalità è un fatto individuale. «Sicuramente il periodo autunnale è quello più a rischio e una delle cause è l’esposizione al sole durante i mesi estivi, perché i raggi ultravioletti inducono un’apoptosi (morte cellulare) anche a livello del follicolo pilifero»

I cambi stagionali ed in particolare l’ arrivo dell’ autunno comportano quasi sempre degli squilibri psico – fisici; i capelli sono molto sensibili a questi tipo di cambiamento e possono pertanto perdere la loro naturale bellezza, inoltre anche l’ estate, con i raggi del sole, l’ acqua di mare, il cloro delle piscine e la salsedine hanno sicuramente contribuito a danneggiare la chioma. I capelli in autunno sono sfibrati, spenti e purtroppo soggetti a caduta, non è però il caso di disperare, vediamo insieme come curare i capelli in autunno:

Il grosso dei benefici per la cura dei capelli potete farlo sicuramente a tavola, alimentandovi bene, con frutta e verdura ( carote, broccoli, spinaci, miglio e pomodori) ed andando ad integrare alimenti particolarmente utili al benessere dei capelli, ovvero frutta secca come nocciole, mandorle ecc.. sono indispensabili per i Sali minerali. Introducete anche più proteine, meglio se dai legumi. Anche bere molta acqua al giorno ( 2 litri) è fondamentale. Anche sorseggiare the verde ( antiossidante) e tisane preparate ad hoc può essere di indubbio aiuto.

Praticate attività fisica moderata ( meglio l’ aerobica o il cardio ) per favorire il microcircolo cutaneo, quindi anche del cuoio capelluto.

Quando lavate i capelli utilizzate detergenti e balsami che non siano aggressivi, meglio di contenenti estratti di origine bio, preferibilmente al miglio. Non pettinate i capelli da bagnati, rischiate di spezzarli ancora di più.

Asciugate i capelli al sole ( se ne avete ancora la possibilità) oppure con asciugacapelli a temperatura bassa.

Infine evitate sostanze dannose per l’ organismo ed i capelli come fumo e bevande alcoliche.

Fate degli impacchi di olio a giorni alterni ai capelli ( gli oli più indicati sono quello di cocco, d’ oliva, d’ argan e di jojoba), lasciate sulla testa 30 minuti e procedete al lavaggio.